Le nostre professioni | ACCEDI

HOME ›› Chi siamo›› La storia - Il-Soroptimist Club di Ancona nasceil 16 luglio1972.

Club Ancona |

La storia - Il-Soroptimist Club di Ancona nasceil 16 luglio1972.

 

Nella nostra città, il primo momento formativo di un'associazione femminile di servizio a carattere nazionale ed internazionale come il Soroptimist, trae origine dall'idea e dallo spirito giovanile di un'anziana signora. Parliamo di Elena Segre Fuà, che, sebbene non impegnata in una professione, era donna di alto spessore culturale, dotata di rara sensibilità, sempre affabile, disponibile all'ascolto, alla comprensione altrui, e soprattutto attenta ai fenomeni di evoluzione sociale che seguiva con intenso interesse. Il suo salotto infatti era il punto di ritrovo di intellettuali, letterati, amanti della musica e delle arti in genere, nonché di donne inserite nella vita lavorativa ed interessate ai problemi della condizione femminile.

L'idea di dar vita ad un "service" femminile, sorge in lei quando, attingendo dalla sua rete relazionale e, in particolare da notizie fornitele dalla sua amica Vincenza Alessandroni Beer socia fondatrice del club di Sanremo inaugurato il 15 aprile dello stesso anno 1972, apprende notizia dell'esistenza del Soroptimist, della sua organizzazione e delle sue finalità.

Grazie a lei, quindi, ed al grande impegno della sua amica pubblicista Maria Bianchelli Illuminati, donna dotata anch'essa di riconosciuti talenti, vengono gettate le basi per la nascita del club, raccogliendo l'adesione alla partecipazione associativa, per il perseguimento delle finalità soroptimiste, di altre donne della città attivamente impegnate in diverse professioni e avviando con queste la consuetudine di ritrovarsi in periodici incontri per elaborare idee e progetti.

Purtroppo, dell'attività svolta in questa fase preliminare alla vera e propria costituzione ufficiale dell'associazione, si è persa la documentazione e la memoria ahimè non soccorre più di tanto. Ci restano solo gli atti relativi alla relazione tenuta per una riunione dell'aprile 1972 dall'amica Fernanda Santorsola sugli interventi e sull'opera prestata dalla Polizia Femminile in casi di pubblica calamità e sulla organizzazione della Protezione Civile istituita dall'allora recente legge 8 dicembre 1970 nr. 996, che in quel momento formava argomento di grande interesse.

Quell'anno, infatti, Ancona vive il tormento di continue scosse telluriche di forte entità che, iniziate il 14 gennaio, raggiungono il loro apice il 9 giugno con una scossa di 9° grado della scala Mercalli e continuano con uno sciame sismico per oltre l'anno.

Stanti le precarie condizioni attraversate dalla città, le aderenti al costruendo Club, si riuniscono per operare a favore della cittadinanza e chiedono ed ottengono dal Bureau dell'Unione che venga loro consegnata la "Charte" (documento ufficiale di fondazione) con l'adozione di una procedura d'urgenza, onde poter agire ufficialmente come gli altri Service club cittadini, quali il Rotary e il Lions.

Per questo l'inaugurazione del Club viene stabilita in anticipo per il mese di luglio e, per motivi contingenti, non si tiene ad Ancona ma all'Hotel Mamiani di Pesaro.

In ottemperanza alla regola statutaria che, per la formazione di un nuovo Club, esige un numero minimo di diciotto aderenti, all'assemblea costitutiva, presieduta dalla Presidente Nazionale Malaguzzi Valeri, partecipano come aspiranti all'inserimento nella grande famiglia del Soroptimist quelle che sarebbero diventate le socie fondatrici.

La Presidente dell'Unione, previa lettura dello Statuto alle candidate che, sottoscrivendone l'accettazione, esprimono la volontà di adottarlo, dichiara la costituzione del Club. Subito dopo si procede alla elezione degli organi di rappresentanza ed al direttivo della neo associazione •





ALLEGATI

La-Charte
La-Charte.pdf


SCEGLI DOVE ANDARE

AREA RISERVATA - DOCUMENTI

- Documenti riservati

- Messaggistica privata

- Cerca socie

- Anagrafica

- Format per relazione unificata club

RESTA SU QUESTA PAGINA