Soroptimist
search

Una culla per la vita

  • Club: Ancona
  • Autore:
  • Autore: Paola Castellucci
  • Ultima modifica: Aprile 2023

Il giorno 13 aprile u.s. la nostra presidente è stata intervistata dalla TV "e TV" sulla "Culla per la vita" installata dal Club di Ancona nel 2007 presso l'Ospedale Salesi di Ancona

Intervista rilasciata dalla Presidente Club Ancona Daniele -in data 13 aprile 2023- alla giornalista di E'TV Marche Laura Meda e mandata in onda con opportuni tagli in funzione dell'esigenza della stessa emittente in data 14 aprile 2023 nei telegiornali delle h.19,20 e 20,20.

Una Culla per la vita – Presso Ospedale Salesi Ancona

Il Soroptimist International è un'Associazione femminile, senza scopo di lucro, composta da donne impegnate in tutte le professioni che opera, attraverso progetti, per la promozione dei diritti umani, l'avanzamento della condizione femminile, l'accettazione delle diversità, l'eguaglianza e lo sviluppo, il buon volere e la promozione della pace nel mondo.

Nato negli USA, ad Oakland, il 3 ottobre 1921, il Soroptimist International è oggi diffuso in 118 Paesi e conta oltre 3000 Club con un totale di circa 70.000 socie, ed ha uno status consultivo presso le Nazioni Unite e rappresentanza nella FAO e nell'OSCE.

L'Unione italiana viene fondata nel 1928 ed il Soroptimist International Club Ancona, nasce il 16 luglio 1972, con Club promotore Pesaro: La cerimonia si svolge a Pesaro a

La "Maternità nascosta"

Nel perseguimento della finalità relativa al rispetto dei diritti umani per tutti, il Club Ancona, negli anni 2006-2007, Presidente Maria Cristina Sinibaldi Folenghi, aderisce al progetto ""Maternità nascosta " proposto dalla Coordinatrice del Comitato Consulte e Pari Opportunità del Soroptimist d'Italia- Annamaria Isastia- per la promozione di un'azione capillare d'informazione rivolta alle giovani Donne presenti sul territorio per far conoscere la normativa sul parto. Ciò trae spunto dalla necessità di contrastare il fenomeno dell'infanticidio e dell'abbandono dei neonati conseguenti ad una nascita non desiderata per particolari situazioni di disagio della donna, come spesso riportato dalla stampa.

Con lo slogan " Aspetti un bambino e pensi di non farcela? Non avere paura:la legge ti protegge" il Club Ancona, in sinergia con il Comune di Ancona, Asur,zona territoriale 7 e con l'Azienda Ospedaliera di Ancona Ospedale Salesi, avvia ufficialmente la campagna informativa contro l'abbandono dei neonati il 26 ottobre 2006 con conferenza stampa tenuta presso la Sala Consiliare del Comune dalla Presidente Maria Cristina Sinibaldi Folenghi e dal Sindaco Fabio Sturani. Lo scopo è far conoscere a tutti ed in particolare alle donne soprattutto straniere, regolari o clandestine in particolare difficoltà in vista del parto che la legge offre loro la possibilità di adeguata assistenza e sostegno nel periodo di gestazione e nei mesi successivi al parto o di partorire in sicurezza, protette dall'anonimato, senza il rischio di sanzioni e senza mettere a repentaglio la loro vita e quella del bambino che, se indesiderato, può trovare una famiglia diversa adatta a lui.

Per conseguire quest'obiettivo vengono stampati, distribuiti e affissi in luoghi strategici, oltre mille manifesti e locandine che riportano lo slogan della campagna e l'immagine di un neonato che passa dolcemente dalle mani che lo cedono nelle mani che lo accolgono e le informazioni principali sulle previsioni normative a tale riguardo e sulle strutture cui rivolgersi. Inoltre presso le strutture sanitarie , plessi scolastici, sportelli informativi del Comune, sedi di Associazioni vengono allestiti, in via permanente, cosiddetti "Totem", contenenti pieghevoli tradotti anche, in tredici differenti lingue straniere, con gli stessi contenuti informativi.

  Il 9 giugno 2007 il Club Ancona organizza un Convegno nazionale presso l'Hotel Sporting di Ancona sul tema "La Nascita Nascosta" con il coordinamnento della presentatrice televisiva Rosanna Vaudetti , il Sindaco Fabio Sturani, la PN Soroptimist Teresa Gualtieri e molti rappresentanti delle Istituzioni. Si trattano i vari aspetti del problema , partendo dalla legge sul parto in anonimato e con le testimonianze di una pediatra, di un'ostetrica di un'assistente sociale e di una giovane donna africana su come la norma trova applicazione nel presidio ospedaliero. In quest'occasione la Presidente Sinibaldi Folenghi sottolinea la valenza del progetto soprattutto sotto il profilo della prevenzione ed anticipa che a completamento dello stesso - con i contributi della Regione, della Provincia e della ditta Aethra- per la fornitura degli apparati tecnici-il Soroptimist Club Ancona installerà presso l'Ospedale Salesi una "culla termica" che rappresenta una versione moderna della "ruota degli esposti".

Di fatto "La culla per la vita", posizionata in un punto defilato dell'Ospedale Salesi, viene inaugurata il 6 dicembre 2009,anno in cui Presidente del Club è Paola Castellucci, preceduta da una conferenza stampa tenuta dalla stessa Maria Cristina Sinibaldi Folenghi e dalla'Assessora alle Pari Opportunità della Regione Marche Loredana Pistelli.

La Culla per la vita, quindi, permette di lasciare, in totale sicurezza, i neonati da parte di madri in difficoltà, nel rispetto della loro privacy. La culla, infatti, è dotata di una serie di dispositivi, come il riscaldamento, la chiusura in sicurezza, un presidio di controllo h 24 e la rete con il servizio di soccorso medico, che permettono un facile utilizzo da parte dei genitori e l'intervento immediato del personale medico per la salvaguardia del neonato. Infatti, una volta accolto il bambino, un allarme avvisa immediatamente il personale sanitario che entro pochi minuti si prenderà cura del neonato permettendo di accogliere in totale sicurezza un bimbo che i suoi genitori non possono, purtroppo, tenere con sé, preservando l'assoluto anonimato degli stessi.

Dal 2009 ad oggi non risulta che sia stata utilizzata la Culla per la vita, mentre, purtroppo nel marzo 2018, ad Ostra, è stato ritrovato il corpicino di una neonata in una discarica.

E' forte l'impegno del Club Ancona nel contrastare la piaga dell'abbandono ed è assolutamente necessario continuare nell'opera di prevenzione con divulgazione delle informazioni in sinergia con le pubbliche Istituzioni.

Vi è anche da dire che sempre nell'ottica di garantire diritti umani per tutti, con particolare riguardo all'infanzia ed alle madri, il Soroptimist Club Ancona con l'ADISCO, Associazione italiana per la donazione del sangue del cordone ombelicale,di cui è responsabile regionale Paola Castellucci, sotto l'egida del Comune di Ancona, nell'ottobre 2016 ha finanziato la creazione di sei Bebè Ponti, dislocati in diversi punti della città di Ancona, per consentire alle Mamme di poter accudire ed allattare i propri piccoli, trovandosi i giro per la stessa città, in un luogo dedicato e igienicamente sicuro. I sei Bebè point sono perfettamente funzionanti e alla costante manutenzione provvede il Comune di Ancona.


chevron_left
chevron_right
X