Bassano del Grappa

28 gennaio 2019

L'ARMONIA DELLE TENEBRE


Lunedi 28 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria, 1200 studenti delle scuole secondarie di Bassano del Grappa, hanno assistito, presso il teatro Da Ponte, allo spettacolo “L’armonia delle tenebre -  La musica nell’aria di Theresienstadt” di Francesco Toso, a cura delle nostre socie Marisa Dalla Vecchia al pianoforte e Raffaella Mocellin per la presentazione artistico-storica, con la partecipazione di Ilaria Ospici, soprano, Davide Caldera, baritono, Alessandro Pelizzo, violino, e Alessia Bruno, violoncello.

Lunedi 28 gennaio gli studenti delle ultime classi delle scuole secondarie di primo e secondo grado della città di Bassano del Grappa, hanno assistito, presso la Sala Da Ponte, ad uno spettacolo che difficilmente potranno dimenticare. La loro compostezza e silenziosa partecipazione son state testimonianza di quanto siano stati rapiti da ‘L’armonia delle tenebre’, spettacolo realizzato dal Club Soroptimist di Bassano in collaborazione con l’Assessorato Politiche dell’infanzia e il Gruppo ANA Montegrappa, sezione di Marchesane. Dopo un primo momento, in cui il Sindaco ha preso la parola per sottolineare come l’indifferenza possa essere determinante nell’affermazione di ogni totalitarismo, lo spettacolo, tratto da una tesi di laurea specialistica del musicista F. Toso e incentrato sul tema della Shoah declinato da un insolito punto di vista musicale, ha avuto inizio. Sono stati sapientemente proposti otto brani a cura delle nostre socie Marisa Dalla Vecchia al pianoforte e Raffaella Mocellin per la presentazione artistico-storica. A loro il merito di aver saputo dar vita, insieme al soprano Ilaria Ospici, Il baritono Davide Caldera, il violino di Alessandro Pelizzo e il violoncello di Alessia Bruno, ad un phatos ed una carica emotiva che hanno coinvolto tutto il pubblico presente in sala, dagli studenti ai docenti. Perché la scelta di trattare un tema così tragico come l’olocausto attraverso la musica? Perché, come dice lo storico Francesco Toso, “Il fallimento dell’umanità, giunto a compimento con Auschwitz, non si può esprimere a parole. Il dolore infatti può trovare espressione solo con l’arte, con la “dissonanza” portavoce delle vittime, degli umiliati e degli offesi”. Il concerto è risultato, infatti, toccante, coinvolgente proprio perché strutturato in maniera intelligente, innovativa e interpretato da artiste di qualità quali le nostre Marisa e Raffaella.  



AUTORE: Fiorenza Rossi - Club Bassano del Grappa

PRESIDENZA: Patrizia Salmoiraghi