Soroptimist Cremona

20 aprile 2022

Incontro con Claudia de Lillo


Incontro con la giornalista e scrittrice Claudia de Lillo, nota per il suo personaggio di "Elasti", con il quale ha posto all'attenzione dei lettori il problema di come conciliare il ruolo di madre con quello di donna lavoratrice. 

Claudia de Lillo, per impegni di lavoro non ha potuto essere a palazzo Vidoni, ma è stata in collegamento con il pubblico,  a sua volta in parte in presenza in parte on line. È stata intervistata da Francesca Morandi, giornalista e socia del Club.

In allegato invito

Dopo il saluto a socie e amici, la Presidente del Club Cremona Elisabetta Bondioni ha illustrato il consistente curriculum di Claudia de Lillo, laureata in Economia e Commercio alla Bocconi, per vent'anni reporter finanziaria presso l'agenzia Reuters, è stata collaboratrice di D di Repubblica e attualmente è conduttrice e autrice di "Caterpillar AV", trasmissione radio in onda tutte le mattine dalle 6,00 alle 7,30 su RAI radio 2 e scrive di economia su La Repubblica.     

Ha quindi preso la parola Francesca che ha esordito salutando Caludia con un "Ciao Giovanni". Infatti, come è stato poi chiarito, il primo lavoro di Claudia, dopo la laurea, è stato uno stage presso un'agenzia di intermediazione mobiliare. Ebbene i colleghi, tutti maschi, naturalmente, erano convinti che una donna nella sala operativa portasse sfortuna e pertanto per tutti i sei mesi della durata dello stage l'hanno chiamata Giovanni! Un episodio che potrebbe essere divertente non fosse un chiaro esempio delle difficoltà che le donne incontrano sul luogo di lavoro.

E' quindi iniziato un fitto, vivacissimo ineressante dialogo tra Claudia de Lillo e Francesca Morandi, dialogo che ha toccato un po' tutti gli argomenti  riguardanti la donna che lavora: dalla difficoltòà di conciliare il tempo pieno con la gestione della famiglia, difficoltà che ha ispirato a Claudia il personaggioi di Elasti del suo blog "nonsolomamma.com" e che lei conosce bene avendo tre figli, tutti maschi, e un marito lontano per lavoro (anche se molto collaborativo), passando per le quote rosa, che, dice, non ci dovrebbero essere, ma la condizione femminile essendo quella che è, ben vengano, per finire allo smart working, salito prepotentemente alla ribalta con il Covid e che rappresenta solo in parte un vantaggio per la donna. L'ideale sarebbe, sostiene, poter alternare durante la settimana smart working e lavoro in presenza.

Rispondendo alle domande di Francesca e di altre socie Claudia De Lillo ha poi toccato molti diversi argomenti, come, ad esempio, la sicurezza delle donne nelle grandi città o l'assurdità di un'intervista a Samanta Cristofoletti alla quale è stato chiesto solo dei suoi figli e si è rivelata un'interlocutrice simpatica, spigliata, molto sicura delle proprie ben meditate opinioni e fortemente motivata da una grande passione, da un grande interesse per difficile vita delle donne.


 



AUTORE: Graziella Baldaro - Club Cremona

PRESIDENZA: Giovanna Guercio


ALLEGATI