-->
CLUB
page

PALERMO INAUGURA LA 2A STANZA TUTTA PER SE'

Progetti / PALERMO INAUGURA LA 2A STANZA TUTTA PER SE'

Presso la sede del Comando Provinciale dei Carabinieri

Seconda "Stanza tutta per sè" inaugurata dal Club di Palermo nel capoluogo siciliano, presso la Caserma “Giacinto Carini”, di piazza Verdi, sede del Comando Provinciale dei Carabinieri.

Erano presenti la nostra Presidente Anna Maria Pepi ed il Consiglio Direttivo del Club, il Prefetto di Palermo Dott. Giuseppe Forlani , il Procuratore Aggiunto del Pool “Fasce deboli” della Procura di Palermo, Dott.ssa Anna Maria Picozzi; per i Carabinieri il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Palermo, Generale di Brigata Arturo Guarino, ed il Comandante del Nucleo Operativo della Compagnia Piazza Verdi, Ten. Giada Conti, che è anche Coordinatrice Operativa della “Rete antiviolenza”, col delicato compito di affiancare i colleghi nel dialogo con le vittime di reati di genere.

Notevole la risposta dei media all’iniziativa, dal Giornale di Sicilia alle emittenti televisive. Una lunga intervista ha dedicato alla Presidente la TGR Sicilia.

Da sempre sensibile alle iniziative volte a combattere la violenza di genere, il Club di Palermo aveva realizzato già nel 2017, anno in cui il progetto venne lanciato dalla Presidente Nazionale pro tempore Leila Picco, la sua prima stanza di ascolto protetto riservata alle donne vittime di violenza, presso la Stazione dei Carabinieri Palermo Oreto.

E nel 2018 fu uno dei 15 Club siciliani che realizzarono, facendo rete, una “Stanza tutta per sé” a Trapani, da qualche anno, per varie circostanze, priva di un proprio Club Soroptimist.

Ed oggi ne inaugura una seconda nella propria città, su richiesta del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Palermo, Generale di Brigata Arturo Guarino, presso la Caserma “Giacinto Carini”, di piazza Verdi, sede del Comando Provinciale dei Carabinieri.

Le disposizioni imposte dall’emergenza Covid hanno limitato la partecipazione delle Socie al solo Consiglio Direttivo, guidato dalla Presidente Anna Maria Pepi.

Erano presenti il Prefetto di Palermo Dott. Giuseppe Forlani e il Procuratore Aggiunto del Pool “Fasce deboli” della Procura di Palermo, Dott.ssa Anna Maria Picozzi, mentre per i Carabinieri,  in prima linea accanto al Gen. Guarino, c’era il Comandante del Nucleo Operativo della Compagnia Piazza Verdi, Ten. Giada Conti, che è anche Coordinatrice Operativa della “Rete antiviolenza”, col delicato compito di affiancare i colleghi nel dialogo con le vittime di reati di genere.

Ed è lei che nel suo intervento ha ribadito il costante impegno dell’Arma a favore delle donne: “Noi ci siamo, siamo qui per loro”. Ma ha anche confermato il gradimento dell’Arma per la stanza protetta, che garantisce la riservatezza degli incontri a chi ha il coraggio di denunciare. Dell’iniziativa dei Club Soroptimist che da quando nel 2015, è stato firmato l’accordo con il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, di stanze protette ne hanno già realizzato ben 130 - e il numero è in costante crescita - ha parlato nel suo intervento la Presidente Anna Maria Pepi, dopo aver sottolineato che il punto dolente della lotta alla violenza di genere è la scarsità di denunce. Ha poi spiegato la genesi del progetto nazionale “Una stanza tutta per sé”, che nasce in armonia con le finalità di un’Associazione che lavora a sostegno delle donne, con particolare attenzione alle fasce più deboli. Una curiosità: il nome scelto per l’iniziativa fa riferimento ad un saggio di Virginia Woolf, illustre femminista ante litteram. E per finire il Prefetto Dott. Giurlani ha sottolineato l’utilità dell’incontro fra chi a vario titolo si occupa della violenza di genere, e soprattutto l’importanza di far rete  lavorando in sinergia per combattere l’increscioso fenomeno.  

Notevole la risposta dei media all’iniziativa, dal Giornale di Sicilia alle emittenti televisive. Una lunga intervista ha dedicato alla Presidente la TGR Sicilia.

PUBBLICATO DA:

Eliana LO CASTRO NAPOLI - Club Palermo

DATA PUBBLICAZIONE:

28 settembre 2020

PRESIDENZA

Mariolina Coppola

PROGETTO NAZIONALE

Una stanza tutta per sè

PROGETTO

Una stanza tutta per sè

Diritti umani per tutti - Lotta alla violenza contro le donne - STANZA TUTTA PER SE'

FINALITA

Eliminare la violenza contro donne e ragazze e garantire la partecipazione delle donne nella risoluzione dei conflitti.

CLUB COLLEGATI

Leggi anche

Club Forlì 15-10-2020

Unite for Women!

Una stanza tutta per sé. Le panchine della non violenza. Baby Pit Stop.

Traguardo in vista per i tre progetti avviati lo scorso anno dal club di Forlì: Una stanza tutta per sé,  Le panchine della non violenza e il Baby Pit Stop. Dopo

Yvonne Grimaldi - Club Forlì