Soroptimist
search

Un territorio plurale

Un

LE RAGIONI DI UN CLUB DAL TERRITORIO “PLURIPOLARE”

Nel punto di contatto fra le attuali province di Mantova e Cremona, nella Lombardia sud-orientale, si estendono due distretti territoriali confinanti fra loro, il Casalasco-basso cremonese e il Viadanese-mantovano occidentale, separati da un confine amministrativo, ma abbastanza simili dal punto di vista geografico. Qui la continuità territoriale e i comuni problemi idrogeologici da sempre hanno fatto convivere e collaborare le numerosissime piccole comunità sorte fin dai tempi più antichi, come pure la necessità di presidiare capillarmente il territorio non ha determinato lo sviluppo di un unico polo urbano di riferimento, ma l’insediamento diffuso, cioè la nascita di diversi centri urbani di medie dimensioni, tanti di piccole dimensioni, molte corti rurali sparse sul territorio. 

Lontano ed equidistante dalle città capoluogo circostanti (Cremona, Mantova, Parma, Reggio Emilia), questo territorio omogeneo, diviso dalle sorti politiche degli ultimi secoli e dalle vicende amministrative conseguenti, da qualche lustro sta riscoprendo legami antichi e affinità di saperi, relazioni mai cessate e comunanza di sentimenti, una rinnovata volontà di cooperazione e coesione fra le comunità e le molteplici componenti sociali ed economiche.

Questa situazione, oltre alla lontananza dai capoluoghi ove esistono già club Soroptimist, ha suggerito la costituzione di un Club Soroptimist interprovinciale con raggio d’azione su un’area composta dai seguenti 24 Comuni:

COMUNI DEL CASALASCO - BASSO CREMONESE: Calvatone, Casalmaggiore, Casteldidone, Gussola, Martignana Po, Piadena-Drizzona, Rivarolo del Re e Uniti, San Giovanni in Croce, San Martino del Lago, Scandolara Ravara, Solarolo Rainerio, Spineda, Tornata, Torricella del Pizzo, Voltido.

COMUNI DEL VIADANESE – MANTOVANO OCCIDENTALE DELL’OLTRE OGLIO: Bozzolo, Commessaggio, Dosolo, Gazzuolo, Pomponesco, Rivarolo Mantovano, Sabbioneta, San Martino dall’Argine, Viadana.

X