Valle d'Aosta

05 ottobre 2021

Mercatino Vintage


Solidarietà per le Donne Afghane

In segno di solidarietà, aprirà le porte del proprio Mercatino Vintage con l’esposizione di un Burqa, l’abito tradizionale imposto dai Talebani, che copre integralmente il loro corpo e che ora è drammaticamente tornato a essere il simbolo della privazione di ogni diritto civile e di ogni libertà

Una provocazione? No certo, ma sicuramente un segno di forte protesta ed un richiamo ad una riflessione per tutte le donne, giovani ed anziane, che si recheranno al mercatino. 

L’apertura del Mercatino Vintage è prevista dal  4  al 9 settembre prossimi, con orario  continuato dalle ore 10,30 alle ore 19,30  alla Galleria San Grato,  in Via de Tillier ad Aosta. 

Verranno esposti capi d’abbigliamento usati e accessori vari ;  i fondi raccolti con la vendita saranno destinati alle donne afghane, attraverso canali già individuati e  definiti anche a livello nazionale. Sarà una goccia nel mare degli aiuti ma costituirà un gesto tangibile di solidarietà che,  se portato avanti e concretizzato  da tanti,  sarà di grande  conforto alle donne che si vedono ora cancellare in modo brutale quel futuro in cui avevano creduto, sperato e sognato. Le parole e le recriminazioni, ormai tardive,  non servono più ! Come ha sottolineato la presidente del Soroptimist Club Valle d’Aosta, Vanna Naretto, “l’Afghanistan è sempre stato nel cuore del Soroptimist: infatti, già nell’ormai lontano 2004 a ricevere il Premio Internazionale “La Donna dell’Anno” fu Joya Malalai , giovane afgana, tenace sostenitrice dell’antifondamentalismo islamico. E ancora nel 2015 all’italiana Selene Biffi, venne consegnato il premio Soroptimist per le sue iniziative a Kabul, dove  nel 2009 miracolosamente scampò ad un attentato  dei Talebani e dove però  ritornò poche settimane dopo per ultimare i suoi progetti. Anche lei era a Kabul, ma fortunatamente  è stata rimpatriata  dall’ONU pochi giorni prima della presa della città  da parte dei talebani” 

A tutta la popolazione - aggiunge la presidente -va quindi il richiamo del Soroptimist per una partecipazione forte che possa contribuire al successo dell’iniziativa e ad una affermazione non solo nominale, ma vera e concreta del concetto di solidarietà e aiuto. 

Un grazie particolare va all’Associazione Artisti valdostani  e al suo Presidente, Alberto Ragni, che ci hanno nuovamente concesso la disponibilità della prestigiosa saletta.



AUTORE: Elisabetta TUBERE - Club Valle d'Aosta

PRESIDENZA: Giovanna Guercio