-->
INTERVISTA PN

Il caso SAMAN

Attività / Il caso SAMAN

SERVE RETE DI PROTEZIONE PER I SOGGETTI PIÙ FRAGILI

La drammatica vicenda di Saman impone una rigorosa riflessione sulla gravità e la pervasività del fenomeno dei matrimoni forzati nel nostro Paese, piaga contro la quale occorre predisporre adeguate misure di prevenzione e contrasto. Innanzitutto, appare utile strutturare un network istituzionale e sociale tra vicini di casa, insegnanti, cittadini attivi per poter rafforzare i legami di comunità e, di conseguenza, rafforzare una rete di protezione per i soggetti più fragili ed in difficoltà. 

Occorre contribuire ad infondere, attraverso iniziative pubbliche, di formazione, di educazione, il valore del rispetto della dignità altrui con l’obiettivo di renderlo patrimonio comune e condiviso. Lavoriamo per sollecitare le istituzioni locali e nazionali ad elaborare una strategia nazionale di prevenzione, monitoraggio e contrasto a questo fenomeno, molto più diffuso di quanto si possa pensare. Serve una campagna nazionale di sensibilizzazione sui media in grado di parlare alle coscienze, e di indurre ad una profonda riflessione sulla gravità di tali condotte.

PUBBLICATO DA:

Mara Costantino

DATA PUBBLICAZIONE:

07 giugno 2021

PRESIDENZA

Mariolina Coppola