-->

Memorie di Bisanzio nell'arte e nella letteratura

Attività / Memorie di Bisanzio nell'arte e nella letteratura

La Bisanzio prima e dopo l’occupazione turca, nel pieno del suo splendore e poi decadente, ma sempre affascinante agli occhi dell’Occidente, con artisti e letterati che hanno attinto a piene mani dal gusto bizantino. Storie e aneddoti raccontati da Beatrice Daskas, ricercatrice dell’Università di Monaco di Baviera, in un’apprezzata conferenza in cui è emersa l’influenza bizantina in Europa. Sovrani come Luigi XIV nella Francia del 1600 e Guglielmo II nella Prussia del 1800, ciascuno a suo modo, hanno preso Bisanzio quale modello ideale: il primo in ambito politico con una proiezione simbolica del cerimoniale di corte, il secondo per la fastosità delle chiese. Nel ‘900 Bisanzio sopravvive nell’art nouveau, e i quadri di Klimt ne sono un esempio. Nel secolo scorso quella che si afferma è un’immagine decadente della capitale dell’impero ottomano con il recupero della figura dell’imperatrice Teodora, ritratta come dissoluta e immorale in una famosa pièce teatrale.

AUTORE:

Emanuela Zecca - Club Sondrio

DATA PUBBLICAZIONE:

23 settembre 2016

PRESIDENZA

Leila Picco

CLUB COLLEGATI