Soroptimist
search

ADVOCACY - Approfondimenti

La dichiarazione sottoscritta da Soroptimist International per la 68° sessione della Commissione delle Nazioni Unite sulla condizione delle donne (2024)

Obiettivi:

ADVOCACY
  • Autore: Carla Sanjust
  • Ultima modifica: Febbraio 2024

Dall'11 al 22 marzo 2024 si svolgerà a New York la sessantottesima sessione della Commissione sulla condizione delle donne CSW68 con i rappresentanti degli Stati membri degli enti delle Nazioni Unite e delle organizzazioni non governative (ONG) accreditate dall'ECOSOC provenienti da tutte le regioni del mondo. Anche la nostra associazione Soroptimist International parteciperà, ed insieme ad altri firmatari, tra cui anche il Soroptimist Europe, ha sottoscritto questo statement- dichiarazione ufficiale, in cui si riconosce che i tassi di povertà a livello globale sono aumentati in modo esponenziale e che le donne e le ragazze sono tra le più colpite, ma che la povertà e la disuguaglianza di genere non sono inevitabili. La povertà e la disuguaglianza di genere sono infatti il risultato di una discriminazione strutturale che da decenni è al centro della legislazione e della politica. In linea con la risoluzione 74/235 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, dobbiamo lottare per la giustizia attraverso una lente di genere che includa la giustizia sociale, la giustizia economica, la giustizia climatica e la giustizia legale.

Nel dettaglio della Dichiarazione:

a) Istruzione

L'istruzione svolge un ruolo trasformativo come motore dello sviluppo sostenibile, della pace, dell'uguaglianza e della giustizia sociale in generale. L'accesso a un'istruzione permanente e di qualità conferisce a tutte le donne e le ragazze le competenze essenziali necessarie per accedere alla forza lavoro e sviluppare un futuro autosufficiente e costituisce un'importante protezione contro i matrimoni e le unioni infantili, precoci e forzate.

Con il passaggio all'apprendimento e al lavoro online a partire dalla pandemia di COVID-19, la necessità di un accesso universale a Internet e alle tecnologie digitali è essenziale per realizzare l'uguaglianza di genere. Il divario digitale di genere deve essere colmato attraverso maggiori investimenti pubblici nelle reti elettriche nazionali, nelle tecnologie digitali, nella formazione all'alfabetizzazione digitale e nell'apprendimento permanente per tutte le donne e le ragazze. È necessario attuare programmi interamente finanziati per espandere la partecipazione di tutte le donne e le ragazze nella scienza, tecnologia, ingegneria, arte e matematica (STEAM) per raggiungere la parità di genere e pari opportunità di lavoro nel settore. Dovrebbe essere data un'alta priorità a coloro che rischiano di essere lasciati indietro, comprese le donne e le ragazze delle zone rurali e indigene, coloro che vivono in conflitti, i rifugiati e gli sfollati interni, e le donne e le ragazze in strutture di assistenza e statali.

b) Sanità universale

La definizione di assistenza sanitaria universale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità si basa su principi di equità, ma l'uguaglianza di genere nell'assistenza sanitaria rimane una vera sfida. Le donne e le ragazze che vivono in situazioni particolarmente vulnerabili non hanno accesso all'assistenza sanitaria di base, all'igiene e ai servizi igienico-sanitari e affrontano maggiori rischi di esposizione a malattie a causa dell'acqua non sicura. L'invecchiamento in buona salute deve essere promosso lungo tutto il corso della vita, anche attraverso azioni nell'ambito del Decennio dell'invecchiamento in buona salute e garantendo che la copertura sanitaria universale sia adatta a tutte le donne e ragazze. I servizi sanitari essenziali e l'istruzione devono essere messi a disposizione di tutte le donne e le ragazze, con una priorità specifica attribuita alle ragazze, alle donne rurali, alle donne indigene, alle donne con disabilità e alle donne in età fertile. Ciò è essenziale per proteggere la loro salute e il loro benessere riducendo lo stigma, aumentando l'autonomia decisionale e fornendo informazioni di qualità su malattie come il cancro cervicale.

GIUSTIZIA ECONOMICA

Le disuguaglianze di ricchezza e reddito hanno continuato ad aumentare sia all'interno che tra i paesi e hanno un impatto sproporzionato su tutte le donne e le ragazze, contribuendo ad aumentare i livelli di povertà. Inoltre, il sostegno finanziario previsto a livello locale non arriva loro. La metodologia di erogazione/assegnazione dei fondi deve cambiare, abilitandoli e non imponendo loro ulteriori oneri amministrativi.

a) Divario retributivo di genere

La parità di retribuzione per un lavoro di pari valore deve essere attuata senza riserve. Il divario retributivo di genere rimane una realtà nella maggior parte dei paesi ed è nuovamente in aumento a causa del modo in cui le compensazioni salariali post-COVID sono state strutturate e implementate (vedi recente rapporto dell'UE) – e continua ad avere un impatto ingiusto sulle donne. Stabilire salari vivibili non discriminatori è un primo passo essenziale verso la partecipazione delle donne a un lavoro retribuito pieno, equo e significativo. Inoltre, le donne dovrebbero essere prese in considerazione in tutte le posizioni lavorative, anche ai livelli più alti. Gli Stati devono riconoscere che, date le loro esperienze vissute uniche, le donne hanno il potenziale per guidare l'innovazione e spingere le società verso la giustizia sociale ed economica.

b) Lavoro di cura non retribuito

Il lavoro di cura non retribuito e il lavoro non retribuito svolto per servizi pubblici come l'acqua, i servizi igienico-sanitari e l'igiene (WASH) rimangono una sfida significativa per le donne e le ragazze che continuano a lavorare come principali badanti di bambini e famiglie. La persistente crisi dell'assistenza è una crisi di genere che impedisce uno sviluppo intergenerazionale positivo e il progresso verso l'uguaglianza di genere. Gli Stati devono adottare strategie inclusive per riconoscere, ridurre e ridistribuire il lavoro di assistenza non retribuito e stanziare risorse sufficienti per rispondere al crescente bisogno di assistenza all'infanzia e agli anziani.

Tutto il lavoro di cura deve essere riconosciuto come lavoro prezioso e meritevole di remunerazione. Le politiche inclusive sulla genitorialità, come il congedo parentale retribuito per entrambi i genitori, rappresentano un punto di partenza fondamentale per affrontare la crisi dell'assistenza.

Nessun bambino dovrebbe essere costretto a partecipare al lavoro di cura anziché all'apprendimento e allo sviluppo: il cambiamento delle narrazioni sociali può aumentare l'accesso all'istruzione per tutte le donne e le ragazze, fornendo loro pari opportunità di apprendere fin dalla giovane età. Oltre a lavorare per affrontare le ideologie sociali radicate e gli stereotipi di genere sul lavoro di cura, è responsabilità degli Stati impegnarsi a investire nell'istruzione inclusiva e permanente, per dare potere e consentire a tutte le donne e le ragazze di avere pari opportunità nel lavoro retribuito.

c) Pensioni

La povertà reddituale di genere è un problema reale che può avere implicazioni catastrofiche per la salute, il benessere e lo status delle donne anziane. In un contesto di mercati del lavoro basati sul genere, i sistemi pensionistici contributivi si trovano ad affrontare la sfida di garantire prestazioni pensionistiche universali e adeguate per le donne. Nel corso della loro vita, le donne trascorrono periodi più lunghi dedicati all'assistenza, hanno una minore partecipazione al mercato del lavoro, lavorano di più a tempo parziale e guadagnano meno degli uomini. Queste componenti compromettono i loro diritti pensionistici nei sistemi pensionistici che collegano i benefici al lavoro retribuito, ai contributi e ai guadagni. Gli Stati devono riconoscere la mancanza di accesso a una pensione equa per le donne come un vero problema che contribuisce alla povertà e agire immediatamente.

I livelli minimi del sistema di protezione sociale devono essere implementati per garantire il reddito di base durante tutto il corso della vita, compresa l'età pensionabile. Gli Stati sono tenuti a garantire che tutte le donne e le ragazze dispongano di strutture giuste ed eque per i contributi per tutta la vita, compresi i periodi in cui lavorano come assistenti non retribuiti, per garantire la sicurezza finanziaria durante tutto il corso della vita. Le politiche di sviluppo sociale devono essere sostenute da diritti umani fondamentali che garantiscano la piena protezione delle donne di tutte le età. Quando le donne e le ragazze vengono incluse nei sistemi di protezione sociale, possono contribuire positivamente come parte della soluzione al raggiungimento della giustizia economica.

GIUSTIZIA CLIMATICA

Nessuna giustizia integrata può essere raggiunta senza la giustizia climatica e la garanzia di un pianeta sicuro, sano e sostenibile. La ricerca ha evidenziato che, se il cambiamento climatico non sarà frenato, porterà fino a 130 milioni di persone in più nella povertà nel prossimo decennio e porterà fino a 3 miliardi di sfollati entro la fine di questo secolo. I migranti climatici si trovano ad affrontare ostacoli sempre più grandi nell'accesso all'assistenza sanitaria di base, all'acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari, all'istruzione, alla sicurezza alimentare e all'alloggio. Inoltre, tutte le donne e le ragazze affrontano rischi accentuati di violenza di genere, tratta e matrimoni e unioni infantili, precoci e forzate, che le pongono in situazioni particolarmente vulnerabili.

Consentire alle donne e alle ragazze di assumere un ruolo centrale nello sviluppo di soluzioni innovative è fondamentale per migliorare le risposte della comunità alla crisi climatica. Ciò può essere fatto migliorando la loro partecipazione, il processo decisionale e la leadership nelle strategie di mitigazione del cambiamento climatico, adattamento e riduzione del rischio di catastrofi. Gli aiuti umanitari attenti al genere sono vitali per garantire il benessere e la dignità di tutte le donne e le ragazze durante e dopo il disastro.

Gli Stati devono impegnarsi ad attuare pienamente il Global Compact delle Nazioni Unite per una migrazione sicura, ordinata e regolare, che pone al centro il rispetto dello stato di diritto, del giusto processo e dell'accesso universale alla giustizia. È inoltre fondamentale che gli Stati rispettino gli impegni giuridicamente vincolanti concordati nell'Accordo di Parigi del 2015 e nelle successive Dichiarazioni. Tutti i nuovi investimenti nei combustibili fossili devono essere immediatamente fermati; e deve essere attuata una transizione rapida e giusta verso energie pulite e rinnovabili.

GIUSTIZIA LEGALE

Per raggiungere la giustizia sociale, economica e climatica, i diritti umani universali devono essere pienamente rispettati, protetti e realizzati in linea con la Dichiarazione universale dei diritti umani, il Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali e il Patto internazionale sui diritti civili e politici. Diritti.

Un approccio disconnesso alle politiche sociali, economiche e ambientali non ha prodotto i risultati desiderati verso l'eliminazione della povertà e la riduzione della disuguaglianza. Le politiche sullo sviluppo economico, sociale e ambientale dovrebbero pertanto essere interconnesse per garantire che le persone, in particolare le donne e i bambini che vivono in povertà e in altre situazioni vulnerabili, traggano beneficio da una crescita economica e da uno sviluppo inclusivi. Fondamentalmente, tutte le politiche e le leggi devono mettere al centro l'inclusione di genere e i diritti umani per garantire pari protezione per tutti, in conformità con il diritto internazionale.

Richiamiamo inoltre l'attenzione sulle raccomandazioni di UN Women che affrontano alcuni di questi problemi e chiediamo agli Stati membri di sostenerli.

Domande chiave

Soroptimist International e i firmatari di questa dichiarazione riconoscono che il raggiungimento della giustizia sociale, economica, ambientale e legale è fondamentale per accelerare il raggiungimento dell'uguaglianza di genere e l'emancipazione di tutte le donne e ragazze.

Chiediamo agli Stati membri e alle parti interessate di:

" Applicare un approccio sensibile al genere e basato sui diritti umani a tutte le politiche, legislazioni, discussioni e decisioni relative a tutti gli aspetti dello sviluppo;

" Aumentare gli investimenti nell'istruzione di qualità e nell'apprendimento permanente e creare programmi specifici e mirati, anche sulla tecnologia digitale e sull'alfabetizzazione a livello sia secondario che terziario, e sulle materie e sulle carriere in scienza, tecnologia, ingegneria, arte e matematica (STEAM), incentrati sulla capacità di tutti donne e ragazze verso il lavoro retribuito, l'istruzione e la formazione;

" Stabilire e attuare leggi e politiche che regolano la tecnologia, garantendo che applichino un approccio trasformativo di genere e contribuiscano al raggiungimento dell'uguaglianza di genere e allo sradicamento della violenza di genere, compresa la violenza online;

" Ratificare la Convenzione 190 dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro sull'eliminazione della violenza nel mondo del lavoro, per promuovere l'accesso delle donne e delle ragazze all'istruzione, alla formazione e alla carriera;

" Adottare un'assistenza sanitaria inclusiva e universale attraverso maggiori investimenti in prestazioni sanitarie di qualità, personale, formazione e programmi di educazione della comunità;

" Colmare il divario retributivo di genere garantendo la parità di retribuzione per un lavoro di pari valore tra uomini e donne e stabilendo salari vivibili non discriminatori;

" Garantire che il lavoro di cura sia riconosciuto come un lavoro apprezzato e possa contribuire alle pensioni;

" Attuare politiche genitoriali inclusive come il congedo parentale retribuito per entrambi i genitori;

" Garantire una raccolta di dati disaggregati adeguata e di qualità;

" Firmare, ratificare e attuare il Global Compact per una migrazione sicura, ordinata e regolare, nonché tutti gli altri accordi internazionali che proteggono i diritti dei migranti;

" Dare una maggiore priorità all'aumento della partecipazione, del processo decisionale e della leadership delle donne nelle strategie di mitigazione del cambiamento climatico, adattamento e riduzione del rischio di catastrofi;

" Adempiere agli impegni giuridicamente vincolanti concordati nell'Accordo di Parigi del 2015 e in ulteriori Dichiarazioni;

" Ratificare e rimuovere tutte le riserve alla Convenzione sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW).

Firmatari:

1. Associazione d'Aiuto all'Educazione dell'Enfant Handicapé

2. Federazione dei club femminili americani all'estero

3. Ragazze, non spose: la partnership globale per porre fine ai matrimoni precoci

4. Donne laureate internazionali

5. Istituto della Beata Vergine Maria – Casa Generalizia di Loreto

6. Alleanza Internazionale delle Donne

7. Associazione Internazionale di Psicologia Applicata

8. Associazione internazionale di beneficenza

9. Consiglio internazionale delle donne ebree

10. Consiglio Internazionale delle Donne

11. Federazione internazionale delle donne imprenditrici e professioniste

12. Rete internazionale di sensibilizzazione sulla salute

13. Ruota interna internazionale

14. Associazione Internazionale di Presentazione

15. Rendi le madri importanti

16. Alleanza nazionale delle organizzazioni femminili

17. Coordinamento ONG post Pechino Svizzera

18. Passionisti Internazionali

19. Fondotinta Punto Rosso

20. Saluti a Femmes

21. Servas Internazionale

22. Gruppo Sikh per i diritti umani

23. Federazione Suore di Carità

24. Soka Gakkai Internazionale

25. Soroptimist Internazionale d'Europa

26. Progetto Tandem, Il

27. Uniti per l'equità e per porre fine al razzismo

28. Fondo internazionale Virginia Gildersleeve, Inc.

29. Donne per il partenariato per l'acqua

30. Federazione delle donne per la pace nel mondo internazionale

31. Organizzazione sionista internazionale delle donne

32. Rete mondiale Nigeria: donne nello sviluppo e nell'ambiente

33. Zonta Internazionale

In allegato lo STATEMENT integrale

Paola Pizzaferri, SII Referente Advocacy


X